04 Apr 2018

La "Casa dell'Acqua Pubblica" piace ai san giovannesi

Gli abitanti di San Giovanni Teatino apprezzano l'acqua erogata dalla "Casa dell'Acqua Pubblica". Dal giorno dell'inaugurazione, lo scorso 5 marzo, l'impianto sito nell'area parcheggio di Largo Wojtyla, ha erogato 19 metri cubi di acqua consumando, per quella frizzante, 3 bombole da 20 kg di CO2. A comunicarlo al Vicesindaco Giorgio Di Clemente è stato Carmine Di Muzio, responsabile della Maiba srl di Chieti, ditta che ha la gestione e la manutenzione dell'impianto.

"Tra oggi e domani saranno installate altre 3 "case dell'acqua pubblica" - annuncia il Vicesindaco Giorgio Di Clemente - nell'area parcheggio scuola primaria Dragonara, in piazza De Berardinis ed in corso Corso Marconi in San Giovanni Teatino Alta. D'intesa con Maiba, gli impianti cominceranno ad erogare acqua tra venerdì e l'inizio della prossima settimana".

Anche in queste nuove case l'erogazione di acqua sarà gratuita fino al prossimo 15 aprile.

"E' una promozione che intende abituare i cittadini ad attingere acqua dalla casa dell'acqua pubblica apprezzandone i vantaggi, qualitativi e ambientali. - spiega il Vicesindaco Giorgio Di Clemente - Si tratta infatti di un servizio a chilometro zero: l’acqua arriva direttamente dalla fonte, pura, controllata e monitorata periodicamente dai tecnici. Prendendola direttamente dalla fonte non c’è trasporto su autoarticolati e usando bottiglie di vetro si contribuisce a ridurre l’impatto ambientale legato al quantitativo di plastica da smaltire".

Dopo il 15 aprile il costo dell'acqua sarà assolutamente competitivo: quella naturale sarà di 4 centesimi al litro e di 5 centesimi al litro l'acqua gasata. Oltre che le monetine sono disponibile tessere ricaricabili nelle attività commerciali, bar e negozi vicine agli impianti.

Le Case dell’Acqua Pubblica sono un punto di erogazione automatica di acqua, in funzione  H24, collegato direttamente alla rete dell’acquedotto e opportunamente microfiltrata. La concessione delle aree pubbliche ha durata di nove anni ed il pagamento di un canone di 250 euro l'anno.

Read 334 times
Rate this item
(0 votes)

Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto l'utilizzo di cookies.